LE TRE BATTAGLIE: PATRIMONIO ARTISTICO, PAESAGGIO, AMBIENTE

 

Incontro-seminario promosso da Rete del Ritorno all’Italia in Abbandono. Il Paese che non c’è

con Associazione Thara Rothas – etica e cultura materiale, Dis-abitati, Fondazione Nuto Revelli, Esterni, Doppiozero, Politecnico di Milano-DAStU/Re-Cycle Italy, Associazione Cascine Milano, Associazione Signumlab – Quando la cultura lascia il segno, Frigoriferi Milanesi, Fondazione A. Pini

 

a cura di

Antonella Tarpino (Fondazione Nuto Revelli)

Silvia Passerini (Associazione Thara Rothas, etica e cultura materiale)

Alberto Saibene (Doppiozero)

 

5 Aprile 2014

ore 9.30- 17.00

Fondazione A.Pini, C.so Garibaldi 2 – Milano

 

Ritorno é la parola chiave del lavoro della nostra Rete Il Paese che non c’é.

Ritorno a che cosa?

Al Paese che non c’é più, dei tanti paesi in abbandono e in progressivo spopolamento.

Al Paese senza tutela del patrimonio storico artistico più importante del mondo.

Al Paese che rischia di scomparire con un ambiente degradato dalla cementificazione e dall’abusivismo.

Tre battaglie che, incrociando diverse competenze, si riunificano in un’unica battaglia.   Nel confronto diretto e operativo con amministratori, associazioni, gruppi impegnati sul territorio per avviare un documento programmatico condiviso.

 

L’occasione dell’incontro è data dal libro “Un patrimonio artistico senza” (Skira 2013) di Bruno Zanardi, tra i maggiori esperti oggi in Italia in tema di conservazione e restauro. Un libro al cui centro si è posta la sempre più urgente necessità di varare politiche di tutela nuove e efficaci: finalmente mirate a considerare il patrimonio storico e artistico come una totalità indisgiungibile dalla totalità dell’ambiente in cui quello stesso patrimonio storico e artistico è andato infinitamente sedimentandosi in millenni. Del resto l’inseparabile rapporto con l’ambiente è caratteristica unica al mondo del patrimonio storico e artistico italiano.

Una vera e propria rivoluzione copernicana della tutela. Ne consegue che le politiche di tutela del patrimonio artistico dovranno essere tutt’uno con le politiche di tutela dell’ambiente, e con esso, del paesaggio storico: naturale, agrario e urbano. Per fare un solo esempio, si pensi ai centri storici e alla rigida distinzione finora tenuta nelle politiche ministeriali, regionali e comunali tra patrimonio immobiliare in mano pubblica e patrimonio immobiliare in mano privata. E si consideri come questa distinzione diventi inessenziale quando finalmente ci si decida a far valere l’insieme di patrimonio immobiliare pubblico e privato quale traguardo o punto fisso per la messa a fuoco di qualsiasi nuovo disegno di pianificazione urbanistica, territoriale o paesistica. Ecco perché si é scelto di organizzare un tavolo di lavoro pluridisciplinare cui chiamare a dibattere, oltre che esperti di tutela del patrimonio artistico, studiosi di paesaggio e ambiente, geografi, sociologi, urbanisti, antropologi, economisti e giuristi. Discussioni da condurre su esempi in particolare,  significativi dell’abbandono cui sempre più rapidamente stanno andando incontro vastissime zone dell’Italia. In particolare i centri storici (il caso delle Marche), intere regioni (il caso della Calabria), le montagne (i piccoli comuni in via di desertificazione nelle Alpi e negli Appennini), le aree rurali (il caso delle cascine di Milano).

Casi di Abbandoni (che si incrementano tanto più con la crisi) e insieme  anche di Ritorni. Al centro del dibattito questioni pragmatiche. Quali i criteri di selezione e di tutela? Quali le filosofie del recupero? Quali gli attori? E soprattutto entro quale quadro normativo e giuridico? Confronti e proposte operative da discutere in stretto rapporto con amministratori, operatori territoriali, enti di tutela e associazioni per avviare un documento programmatico condiviso.

 

Programma
Ore 9.30 — Saluti
- Ada Lucia De Cesaris, Vicesindaco Comune di Milano
- Dalia Gallico, Fondazione Pini

Introduzione ai lavori
- Antonella Tarpino

Ore 10.00
1. Spopolamento e ritorni
- Aldo Bonomi (sociologo, Aaster, Sole 24ore)
- Marco Revelli (scienza dell’amministrazione, Università Piemonte Orientale)
- Vito Teti (antropologo, Università della Calabria)
- Domenico Finiguerra (già sindaco di Cassinetta Lugagnano)
- Alberto Magnaghi (presidente Società dei Territorialisti)
- Franco Zinna (direttore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Comune di Milano)
Intervengono
Andrea Di Stefano (Cascina Cuccagna),
Alain Lanot (Casa in Paglia),
Albini Daniele (DAM – Distretto agricolo milanese)

Ore 11.30
2. Patrimonio storico-artistico e paesaggio
- Bruno Zanardi (docente di Teoria del restauro, Università di Urbino)
- Marco Magnifico (vicepresidente F.A.I.)
- Lorenzo Casini (giurista, Università La Sapienza di Roma)
- Anna Marson ( Assessore all’urbanistica, pianificazione del territorio e paesaggio della Regione Toscana)
- Edo Bricchetti (Inland Waterways International)
- Dalia Gallico (Fondazione Pini, Università San Raffaele di Roma)

Ore 12.30 — pausa pranzo

Ore 14.30
Intervengono
Libero Corrieri (già Soprintendenza Milano),
Massimo Cecconi (Quartiere Garibaldi),
Chiara Pirovano (WWF, Italia)

Ore 15.30
3. Orientamenti e proposte
Discussione aperta per un programma di lavoro

 

www.retedelritorno.it

 

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>