Rete del Ritorno a “Fa’ la cosa giusta” – 23, 24, 25 marzo 2018

Cari amici,
anche quest’anno alla Fiera di Fa’ la cosa giusta, abbiamo preparato per voi un fitto programma di attività da condividere.
E’ la 15esima edizione, e per festeggiare l’evento, l ‘ingresso è gratuito per tutti. Di seguito il programma delle 3 giornate.

Vi aspettiamo!!

Redazione Rete del Ritorno,

Associazione Thara Rothas in collaborazione con Terre di Mezzo editore.

29244452_586233125087858_2512080745992814592_n

 

 

Venerdì 23 marzo ore 17-18

Piazza Territori Resistenti PAD 3

ITINERARI DA SCOPRIRE: L’OLTREPO’ PAVESE

a cura di Associazione Thara Rothas

Storia e percorsi storici inesplorati

Conduce
Elena Giacomotti, Presidente de “Il mondo di Tels”

Interviene
Emanuela Marchiafava, già Assessore Turismo Provincia di Pavia
Ivan Fowler, autore di Edward, il mistero del Re di Auramala, ed Piemme

Sabato 24 marzo ore 11.00- 12.00

Piazza Territori Resistenti

GIOVANI IMPRENDITORI E IMPRESE INNOVATIVE IN MONTAGNA, un dialogo aperto per il potenziamento economico delle aree verticali

a cura di Unimont, Centro d’eccellenza dell’Università degli Studi di Milano

Unimont – Centro d’eccellenza dell’Università degli Studi di Milano decentrato a Edolo e dedicato alla montagna, in collaborazione con Unioncamere Lombardia e Rete del Ritorno, presenta il progetto “Giovani imprenditori e imprese innovative in montagna”.
Il progetto è realizzato nell’ambito dell’ACCORDO DI COLLABORAZIONE CON REGIONE LOMBARDIA, PER ATTIVITÀ DI RICERCA SCIENTIFICA ED APPLICATA E DI DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA INERENTE IL TERRITORIO MONTANO LOMBARDO – ai sensi del art. 4 c. 27 della l.r. 22/2016 (Dir. Presidenza – Programmazione progetti integrati per lo sviluppo delle aree montane), e attivato in supporto allo sviluppo territoriale delle montagne.

L’operazione mira a coinvolgere in modo diretto i giovani imprenditori per permettere loro di condividere e promuovere la loro esperienza, contribuire quali protagonisti della rinascita dei territori “verticali”, co-creare insieme a enti e istituzioni servizi a supporto della crescita economica, essere coinvolti nell’attivazione di network di imprese ad alto valore per la montagna. L’osservatorio attivato dal progetto sta rilevando un cambio di approccio che lascia alle spalle le mancate collaborazioni tra soggetti diversi, e sempre di più – attraverso la creazione di reti radicate nelle comunità ma con diramazioni su scala ampia – permette di valorizzare al meglio prodotti e servizi dei territori montani. In tutti i vari settori, incluso quello delle professioni creative.

Interviene:
Emanuela Zilio, Progettista Unimont
Danilo Bertoni, Economista
Sarah Whitaker Antropologa
Silvia Passerini, Rete del Ritorno
Ludovico Monforte, Unioncamere Lombardia

 

 

Sabato 24 marzo ore 12.00- 13.00

Piazza Territori Resistenti

IMPRENDERE ED INNOVARE NELLE AREE RURALI

a cura di Rete del Ritorno e Unimont – centro d’eccellenza dell’Università degli Studi di Milano

Cosa significa “innovare” nelle aree rurali di pianura e di montagna? Come si può misurare tale innovazione ed il suo impatto su individui, comunità e territori? Quali le chiavi e l’approccio per promuoverla e supportare lo sviluppo economico di quelle aree?
L’Università della Montagna, la Rete del Ritorno, la Fondazione Cariplo e la regista Anna Kauber discuteranno sul tema portando esempi concreti dalla loro progettazione, esperienza e dialogo con i territori rurali di pianura e di montagna.

Interviene
Emanuela Zilio, Unimont – centro d’eccellenza dell’Università degli Studi di Milano Elena Jachia, Direttrice Area Ambiente di Fondazione Cariplo e Programma AttivAree Silvia Passerini, Vicepresidente Rete del Ritorno
Anna Kauber, regista del film documentario “In questo mondo”

In dialogo con
Maurizio Dematteis, Dislivelli

Domenica 25 marzo ore 10-11

Piazza Territori Resistenti PAD 3

ITINERARI DA SCOPRIRE: L’OLTREPO’ PAVESE

Paesaggio e percorsi inesplorati

Conduce
Sara Pezzati, Castello Malspina, Varzi

Interviene
Elisabetta Balduzzi, autrice di Oltrepò Pavese. Inatteso, sorprendente, indimenticabile, ed.Libreria Ticinum
Lorenza Russo, autrice di “Milanomare”, le divagazioni appenniniche tra Milano e Genova, ed.Melangolo
Mariarosa Gatti, I Viaggi di Tels, Vacanze pavesi, itinerari inesplorati in vespa
Odetti Enrico, La merenda Varzese per parlare di storia, Castello Malaspina, Varzi

Domenica 25 marzo ore 11.00- 13.30

Sala Peppino Impastato PAD 3

PERCORSI DI RITORNO AI TERRITORI DEI MARGINI: ESPERIENZE A CONFRONTO

A cura di

Rete del Ritorno

Con le iniziative della Rete del Ritorno per Fa’ la cosa giusta incontriamo da vicino esperti e protagonisti dei processi di ripopolamento dell’Italia agropastorale (dall’Appennino fragile, alle montagne in sofferenza dell’arco alpino) La giornata si apre con un bilancio dello spopolamento e del Ritorno in Italia. Si valuteranno poi, con gli operatori della commissione ministeriale Startegia Nazionale Aree Interne, i risultati delle strategie nazionali condotte a supporto dei singoli territori (dall’Oltrepo’ Pavese al Veneto, dall’Abruzzo alla Calabria). Esperienze concrete: come concreta è la domanda – su cui ci si confronterà – quanto queste iniziative potranno avvantaggiarsi della recente Legge sui Piccoli Comuni?

Saluti
-Piero Magri, Direttore Generale di Terre di Mezzo editore Introduce
-Silvia Passerini, Vicepresidente Rete del Ritorno

-Manola Delgreco, Università Bicocca, Redazione Rete del Ritorno
Analisi della migrazione interna al Paese Italia
-Filippo Tantillo, Coordinamento Strategia Nazionale Aree Interne Risultati della Strategia Nazionale Aree Interne, Ministero Coesione Sociale Simone Angelucci, Sindaco di Caramanico Terme (Pe)

Una proposta di legge per salvare i Piccoli Comuni

-Massimiliano Franchetti, Sindaco di Castione Andevenno (SO) Presidente ASFO Vigneti di San Rocco
Partire dall’accesso alla terra

In dialogo con Alberto Saibene, Rete del Ritorno

Domenica 25 marzo ore 15.00- 17.00

Sala Peppino Impastato PAD 3

IMPARARE A “TORNARE”, LE SCUOLE SI RACCONTANO

Parliamo di scuole perché per tornare a vivere e lavorare nei nostri territori rurali o montani bisogna farlo in modo consapevole, acquisendo nuove professionalità, sperimentando e incrociando saperi tradizionali e tecniche aggiornate, un cambiamento culturale e uno sguardo visionario quanto pratico.

Per farlo abbiamo invitato i diversi protagonisti e i giovani agricoltori, vincitori del bando, della prima sessione della Scuola del Ritorno (SGAM), tenutasi a Paraloup dalla Fondazione Nuto Revelli in collaborazione con la Rete del Ritorno; Cascina Sant’ Ambrogio di Milano che porta sede delle sue scuole consapevoli per giovani agricoltori; Il Movimento internazionale Woofing che da tempo scambia competenze agricole fra giovani aspiranti agricoltori di tutto il mondo; il Comune di Milano che a Casina Nosedo porta l’innovazione agricola di giovani agricoltori urbani con il progetto Open Agri.

Introduce
-Antonella Tarpino Presidente Rete del Ritorno

-Andrea Cavallero, Universtà Agraria-Torino
-Marco Revelli, Presidente Fondazione Nuto Revelli
-Ottavio Rube, Fondatore Cooperativa Valli Unite
-Agnès Garrone e Chiara Albanese, Maximiliano Gutierrez, Paolo Malvezzi, Emanuele Vecchio, La Scuola del Ritorno di Montagna, Scuola dei Nuovi Agricoltori di Paraloup (Alpi marittime)

In dialogo con Beatrice Verri Direttrice Fondazione Nuto Revelli

-Mattia Emanuelli, Associazione Wwoof Italia- Casine Orsine
-Andrea Volsa, Associazione Cascinet- Milano
-RossanaTorri, Comune di Milano- Progetto Open Agri
-Carlo Ferrari, Consigliere Direttivo Nazionale Borghi Autentici d’Italia- Progetto Comunità Ospitali

In dialogo con Silvia Passerini, Vicepresidente Rete del Ritorno

 

 

Redazione

Comments are closed.