TERRE ALTE FOLK FESTIVAL. I TALENTI DELLE TERRE ALTE

5 luglio 2014
Varzi (PV)

Immagine 13
Sabato 5 luglio Varzi, splendido borgo dell’Oltrepò Pavese, ospiterà il Terre Alte Folk Festival, organizzato dall’Associazione Thara Rothas e promosso dalla Comunità Montana Oltrepò Pavese, in collaborazione con il Comune di Varzi. Una giornata tra musica, cultura ed enogastronomia, alla scoperta delle “Terre Alte”: un bellissimo scorcio d’Italia al confine tra le province di Pavia, Alessandria, Genova e Piacenza, ancora relativamente poco noto, nonostante la sua vicinanza alle grandi città.
Varzi, che dista poco più di un’ora in auto da Milano, è una meta ideale per una giornata o un weekend fuori porta, immersi nel verde della media montagna e il Folk Festival sarà un’occasione per scoprire la cultura e i sapori delle colline delle quattro province e lasciarsi affascinare dai paesaggi incontaminati.
Terre Alte Folk Festival di Varzi, che giunge alla sua terza edizione, volge il suo sguardo verso i Talenti locali: artisti, musicisti, attivatori culturali, produttori, editori e gente comune che racconta delle proprie eccellenze. Un momento per conoscersi e farsi conoscere, il racconto di un popolo capace di esprimere al meglio le sue potenzialità, anche quelle meno aspettate.
Il programma alternerà momenti di approfondimento culturale a laboratori, degustazioni enogastronomiche, visite guidate e festa in musica.
Il tema centrale dei numerosi incontri sarà il Ritorno ai territori in abbandono, vale a dire il fenomeno per cui paesi e aree un tempo abbandonate a causa dell’emigrazione verso i grandi centri urbani vengono nuovamente popolati e a volte ricostruiti. All’argomento sarà dedicato, ad esempio, il quarto incontro dell’Osservatorio sul patrimonio storico artistico, paesaggio rurale e architetture del ritorno. Uno dei relatori sarà Bruno Zanardi, autore del libro “Un patrimonio artistico senza. Ragioni, problemi, soluzioni” (Skira), tra i maggiori esperti oggi in Italia in tema di conservazione e restauro dei beni culturali. Un libro che rivoluziona il punto di vista sulle politiche di tutela, mirando a considerare il patrimonio storico e artistico come strettamente interconnesso all’ambiente naturale in cui è collocato. Secondo questa concezione, quindi, le politiche di tutela dell’ambiente, non possono altro che andare di pari passo con quelle di tutela del patrimonio artistico e culturale. Insieme agli amministratori locali dei Comuni delle Terre Alte, interverranno agli incontri anche Sara Impera del Politecnico di Napoli, Manuela Ricci dell’Università La Sapienza di Roma, Aurora Scotti del Politecnico di Milano e Antonella Tarpino, autrice del libro “Spaesati. Luoghi dell’Italia in abbandono tra memoria e futuro” (Einaudi), vincitore del Premio Bagutta 2013.
Numerosi gli appuntamenti culturali: in apertura di mattinata i saluti delle autorità e, a seguire: l’incontro “Il paesaggio culturale delle Terre Alte dell’Oltrepò Pavese” (alle 10.15, alla Casa dei servizi), a cui interverranno Silvia Passerini, presidente dell’Associazione Thara Rothas, e Fiorenzo Debattisti, storico e ricercatore della storia locale. Alle 11.30 al Castello di Varzi verrà inaugurata la mostra “Terre Alte, tra memoria e presente. Storie di abbandoni e ritorni, oggetti, foto e racconti”, a cura di Silvia Passerini e Fiorenzo Debattisti. Parteciperanno Valerio Maruffi, Sofia Cesana, Caterina Turrone, Laura Ferrari e Alessandro Branca con “Il Cerchio della Terra”. con la proiezione del cortometraggio “Sentire il mio passo sul sentiero” di Jacopo Santambrogio e  Carlo Prevosti.
Dalle ore 15.30 proseguono gli incontri dell’Osservatorio, con l’incontro “Tornare per restare, emergenze e priorità”, a cura di Eugenio Barbieri e Alain Lanot. L’incontro vedrà come protagonisti coloro che hanno fatto ritorno verso i territori agricoli: persone singole e famiglie che hanno cercato di vivere in armonia con i luoghi e il loro contesto. Una testimonianza importante che sprona la rilettura del rapporto che c’è fra città e campagna. A seguire, dalle 16.30, la Sala Consiliare del Comune di Varzi, ospiterà una serie di incontri di approfondimento dedicati ai temi del Ritorno alle zone rurali.
“Paesaggio agricolo come patrimonio e risorsa”, a cui interverranno Antonella Tarpino (autrice di “Spaesati”, edizioni Einaudi, Premio Bagutta 2013) e Bruno Zanardi, (docente di teoria del Restauro, Università di Urbino e autore del libro “Un patrimonio artistico senza. Ragioni, problemi, soluzioni” (Skira).
L’incontro “Architettura Rurale e ritorni”, approfondirà il ruolo particolare di questa disciplina che  si occupa della rivitalizzazione di zone che sono a rischio di desertificazione sociale. Un’architettura che guarda ai territori marginali come un’occasione importante di valorizzazione e tutela di un patrimonio così diffuso nel nostro paese, come quello del paesaggio rurale. I relatori Sara Impera (Politecnico di Milano), Manuela Ricci (docente di Urbanistica, Università La Sapienza di Roma) e Silvia Passerini porteranno esempi nazionali, proiezioni culturali e riflessione sui principi di tutela.
Infine l’incontro “Scorci di paesaggi, Pellizza da Volpedo e il suo territorio”; Aurora Scotti, (docente di Storia dell’Arte, Politecnico di Milano) condurrà passo per passo alla scoperta di uno dei maggiori pittori Italiani del ’900, nato e vissuto nel territorio delle quattro province.
Gli incontri saranno intervallati da intermezzi di musica popolare di Nicoletta Petrus. In chiusura, alle 18.30 sarà offerto un rinfresco.
Tra gli appuntamenti enogastronomici segnaliamo le degustazioni guidate, come quella ai formaggi e salumi locali, tra cui il noto Salame di Varzi, gioiello dell’enogastronomia locale, in abbinamento a vini dell’Oltrepò Pavese, tutti prodotti della Condotta Slow Food Oltrepò Pavese.
Sarà possibile scoprire i luoghi che ospitano il festival grazie a visite guidate, tra cui quella che condurrà alla scoperta di Varzi Antica.
La musica accompagnerà il Folk festival, con il repertorio di musica popolare di Nicoletta Petrus, mentre la sera il borgo di Varzi risuonerà delle note del concerto “Quando il talento incontra la musica” (dalle 21.00 in Piazza del Municipio), musiche e danze delle quattro Province, con Stefano Valla (piffero e voce), Daniele Scurati (fisarmonica e voce), Marcello Fera (Violino), mentre Michel Esbelin (Cornamusa e Violino) e Ludovic Rio (Fisarmonica) regaleranno note e danze della Regione Auvergne (Francia).
Passeggiando lungo le vie storiche di Varzi sarà possibile assaggiare e acquistare prodotti tipici delle Terre Alte, come il famoso salame di Varzi, appunto, oppure il raro formaggio Montebore, noto fin dal Rinascimento e consigliato da Leonardo da Vinci per un menù degno di un matrimonio regale.
Il Festival è organizzato grazie al contributo di Fondazione Comunitaria di Pavia e Comunità Montana Oltrepò Pavese. La manifestazione vede una partecipazione condivisa e diffusa, che coinvolge tutti i Comuni delle Terre Alte, Distretto del commercio Valle Staffora, Distretto del commercio Val Tidone, Slow Food-Comunità del cibo, Terre di Mezzo Street Magazine, Rete del Ritorno, Fondazione Nuto Revelli, Associazione Varzi Viva, Arte Musica, Rivista Oltre, Associazione Casa di Paglia, Chi cerca Crea e molte altre associazioni e realtà attive sul territorio.

LOCANDINA FOLK FESTIVAL OK

 

Per informazioni stampa:
Elena Acerbi: elenaacerbi@terre.it”elenaacerbi@terre.it – 345/9011715

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>